Ci sono sigari e ci sono i CUBAN COHIBAS.

Ci sono vini rossi e c'è lo CHATEAU LAFITE ROTHSCHILD.

Ci sono esecuzioni delle quattro stagioni e ci sono le QUATTRO STAGIONI DE I MUSICI.

(The Palm Beach Post)

 

 

imusici platinum

 

 

 

La magistrale interpretazione delle Quattro Stagioni di Vivaldi è un best-seller della musica classica; i Musici ne hanno registrato ben sei successive versioni (PHILIPS), guadagnando il disco di Platino con Diamante per aver superato i 10 milioni di copie vendute.:

 

 

I MusiciI MusiciI Musici

1955 solista Felix Ayo LP 33 giri MONO

1959 solista Felix Ayo LP 33 giri STEREO

 

 

I MusiciI Musici

1969 solista Roberto Michelucci LP 33 giri STEREO

 

 

I MusiciI Musici

1982 solista Pina Carmirelli CD

 

 

I MusiciI Musici

1990 solista Federico Agostini CD e Laser Disc Video

 

 

I MusiciI Musici

1995 solista Mariana Sirbu CD Bitstream

 

 

 

 

Qualità non comune de I MUSICI é stata, fin dall' inizio, la capacità di estrinsecare dall' interno delle proprie fila tutti i solisti necessari sia per ruoli individuali che per articolate combinazioni strumentali; i loro programmi in effetti sono in grado di offrire all'ascoltatore una ricca alternanza di stili e colorazioni timbriche. Ciò é avvalorato anche da una ragguardevole collana di registrazioni discografiche che, dai primi LP 33 giri ai moderni CD, si é arricchita, in varie occasioni, della collaborazione di rinomati strumentisti a fiato: Severino Gazzelloni, Frans Bruggen, Aurèle Nicolet, Maxence Larrieux, Heinz Holliger, Maurice Bourgue, Klaus Thunemann, Marco Costantini, Maurice Andrè, Hakan Hardenberger, Guy Touvron, Bernard Soustrot, Gabor Boldoczki, ed è stata ripetutamente premiata da giurie specializzate:

 

Grand Prix de l' Acadèmie Charles Cros

Grand Prix International du Disque

Edison Award

Deutsche Schallplattenpreis

Grand Prix des Discophiles.

 

Oggi la loro produzione discografica é una vera e propria miniera di opere di autori del Settecento, Ottocento e Novecento.

 

Audio: E. Bossi, Gagliarda

email to: [email protected]

Testo di Lucio Buccarella | torna alla homepage |